Causa tumori Palma Campania autostrada imbottita di veleni tossici

0
500

PALMA CAMPANIA – Sequestrati due chilometri di cantiere aperto per i lavori di realizzazione della superstrada che collega il casello di Palma Campania con i Comuni del Vallo di Lauro. Ad intervenire i carabinieri della Compagnia di Nola del Capitano Andrea Massari che, al di sotto dell’arteria, attraverso operazioni di carotaggio, hanno scoperto una ingente quantità di rifiuti speciali e pericolosi, che erano stati interrati, naturalmente attraverso operazioni di smaltimento abusive.

I militari dell’Arma, oltre a sigillare l’area che tocca i territori di Palma Campania, Liveri e Nola, hanno denunciato in stato di libertà due imprenditori di trentanove e di quarantaquattro anni di Succivo, che si era aggiudicati un sub appalto per la creazione della corsia a scorrimento veloce della Caserta – Salerno, anche detta A30.

Stando alle prime risultanze investigative dell’Arma, tutte le immondizie erano provenienti da siti inquinati, già precedentemente oggetto di controlli e di sequestri.

Allo stato attuale sono in corso ulteriori accertamenti, ma gli inquirenti non escludono che dietro l’interramento vi siamo ditte riconducibili al clan camorristico “

«Di sera lasciavamo le fondazioni ancora da riempire e la mattina dopo le trovavamo colme di cemento, un cemento di colore strano, giallastro, che puzzava in modo nauseante». Questo ha raccontato uno degli operai che ha costruito la scuola materna ad Acerra su cui sta indagando la magistratura di Nola. Si indaga perché l’intero plesso sarebbe stato costruito con rifiuti tossici. «Alcuni bambini qui stanno accusando allergie, asma e altri sintomi legati alla presenza di inquinanti- ci dice Alessandro Cannavacciuolo, Guardia ambientale in prima linea contro le ecomafie che ha denunciato il fatto agli inquirenti-. Da mesi aspettiamo un intervento della magistratura che pare non arrivare mai».

Così come tutto fermo è a Palma Campania dove un’intera arteria autostradale sarebbe stata costruita intombando rifiuti tossici. Se su wikipedia già si conoscono colpevoli e opere (alla voce “riciclaggio di rifiuti tossici” si legge testualmente: «Antonio Iovino, imprenditore di 48 anni, di San Gennaro Vesuviano, legato al clan camorristico Fabbrocino, specializzatosi in riciclaggio di rifiuti tossici, è stato condannato in primo e secondo grado perché ha costruito la bretella di collegamento tra il Vallo di Lauro e l’uscita di Palma Campania dell’autostrada A30, con materiale misto a rifiuti pericolosi»), nella realtà, da più di due anni si aspetta che qualcuno vada a vedere cosa effettivamente c’è sotto il manto stradale sul quale, al momento del sopralluogo, campeggiavano grossi pezzi di amianto.

La società regionale «Vallo di Lauro Sviluppo s.p.a.», concessionaria per conto della Regione Campania della realizzazione della strada, si dice bloccata dalla burocrazia e non procede con i carotaggi. Così da due anni il processo è a un punto morto. Nel frattempo sulla strada è cresciuta l’erba. Lì dove invece la magistratura ha proceduto con le perizie tecniche (soprattutto nelle numerose cave presenti in zona e nei pressi dei regi lagni), ecco cosa è stato trovato sotto terra: cromo, rame, zinco, oli minerali e fanghi contenenti i rifiuti di acque reflue industriali il tutto misto a materiali da costruzione o spalmato su terreni destinati all’agricoltura.

Benvenuti nel triangolo della morte. Così ha definito il territorio che va da Marigliano a Palma Campania a Brusciano, Alfredo Mazza, medico del Cnr che per primo ha denunciato sul Lancet Oncology l’ecatombe che si sta verificando in questa zona. «I dati sfornati dal Pascale, ospedale in prima linea per la cura e la prevenzione dei tumori, parlano chiaro – dice il dottor Gennaro Esposito dell’associazione Medici per l’Ambiente -. In questi tre comuni c’è il record di tumori al polmone, colon retto, genitali e fegato». Nel triangolo della morte la gente vive in appartamenti, scuole, parchi costruiti con cemento e amianto misto ai veleni dell’industria. Ci vive tutti i giorni e forse non ne è ancora consapevole tanto è stata capillare l’azione delle ecomafie. Lentamente la magistratura sta facendo chiarezza su quelli che fino a ieri erano solo dubbi. In altri casi, invece, la verità non verrà mai a galla perché coperta dalle prescrizioni o da un fitto strato di cemento come avvenuto con un centro commerciale.

«Il pentito Carmine Alfieri durante gli interrogatori ha spiegato con una certa minuziosità il tipo di sversamento che veniva tombato nelle campagne di quella che una volta era la Campania felix – dice l’avvocato Mariafranca Tripaldi- . Eppure nello stesso posto abbiamo costruito un grande centro commerciale (firmato dall’archistar Renzo Piano, ndr). A nessuno pare essere importato che durante gli scavi siano stati rinvenuti bidoni di liquami industriali provenienti dalla Germania, il business criminale del clan Alfieri. Ma ora tutto è stato coperto dal cemento mentre i tumori qui hanno falcidiato intere famiglie».

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here